Lettera alla figlia femmina che non ho avuto

Pubblicato il

Ciao piccola mia,
non abbiamo avuto il piacere di conoscerci ma se mai l’avessimo fatto, credo che saremmo andate d’accordo, certo, nel periodo dell’adolescenza mi avresti probabilmente odiata come solo le adolescenti odiano le loro mamme, ma a parte qualche lite furiosa ci saremmo amate tantissimo.
Mi sarebbe piaciuto dirti alcune cose…
Porta rispetto per tutti e per tutto e fatti rispettare da chiunque. Non permettere mai a nessuno di usare violenza volontaria contro di te.
Ridi tantissimo e sorridi più che puoi, sappi che la risata è un ottimo antidepressivo, del quale puoi abusarne abbondantemente.
Sii gentile con le persone che incontri, ma se ti fanno incazzare diventa pure la iena che sei, mi sembra più che giusto.
Credi nei tuoi sogni, sempre, non mollare mai, vai fino in fondo, può sembrarti banale ma ho scoperto con il tempo che non è così. Perché chi non realizza i propri sogni muore un pochino dentro, giorno dopo giorno.
Fai un sacco di cazzate e divertiti, (usando la testa, mi raccomando, che sono pur sempre la tua mamma!), perché se non le farai poi so che te ne pentirai.
Studia con impegno e costanza, servirà a te e ne sarai contenta.
Ama chi vuoi e come vuoi, basta che tu sia felice.
Sii sempre sincera, anche a costo di risultare antipatica, meglio una verità seppur scomoda che una bugia.
Dilli tutti i “ti amo” che ti sentirai di pronunciare. Non avere per nessuna ragione al mondo paura di farlo, se andrà bene, sarai felice, se andrà male, pazienza. Ti leccherai le ferite per un po’ e poi ripartirai da lì, più sicura e meravigliosa di prima.
Impara a cucinare con divertimento.
Viaggia spesso e conosci realtà diverse da quelle dove sei cresciuta tu.
Sappi che incontrerai molte persone durante la tua vita, alcune ti sconvolgeranno, altre saranno così meravigliose con non capirai come hai potuto avere la fortuna di incontrarle, altre ancora ti faranno soffrire ma ricordati che tutto passa, ci vorranno tempo e forza ma ce la farai, altre che quando le conoscerai dopo non sarai più la stessa e poi certo, incontrerai anche le persone stronze, ebbene sì, esistono anche quelle, ti faranno pensare di non valere abbastanza, che non sei abbastanza, ma tu non ci credere. Tu sei il sole.
Usa l’ironia e soprattutto l’autoironia, servono sempre nella vita.
Credi nella magia, nell’avventura, nel coraggio, nella paura e nella libertà.
Fai un figlio quando ti senti pronta, è la cosa più bella del mondo, ma se non ti sentirai mai pronta allora non farlo. Non sarai meno donna di una mamma per aver preso questa scelta.
Circondati di amiche e amici, sappi che l’amicizia, quella vera e sincera, è un dono meraviglioso.
Credi nei tuoi ideali e portali avanti con convinzione. Avrai dei momenti in cui metterai tutto in discussione, sono momenti preziosi, fermati, ascoltali e poi ricomincia più convinta di prima.
Fai attività fisica, non necessariamente perché devi avere un fisico scolpito, ma soprattutto perché ti farà bene all’umore.
Fai l’amore spesso e usa precauzioni, prova il mojito e lo spritz, dormi una notte sotto le stelle, leggi tantissimo, ascolta musica a tutto volume, piangi davanti ad un film romantico, guarda le serie tv fino a notte fonda, canta a squarciagola, incantati di fronte ad un panorama che ti toglie il fiato.
Usa il cervello in tutto quello che ti capita, la pancia per le emozioni ma ancora di più il cuore.
E infine, abbi cura di splendere.

2 pensieri su “Lettera alla figlia femmina che non ho avuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *